Come funziona la tecnologia dietro il boom delle criptovalute e come sta ridisegnando non solo il mondo finanziario ma tutto l’universo digitale.

 

Tutti hanno sentito parlare almeno una volta di bitcoin, pochi sanno che la tecnologia che ha reso possibile la diffusione delle criptovalute si chiama blockchain, ancora meno sono quelli che hanno capito che si tratta di una vera e propria rivoluzione tecnologica che sta già ridisegnando non solo il mondo finanziario ma tutto l’universo digitale.

 

Blockchain technology

 

Blockchain, come funziona e a cosa serve

Ideata da Satoshi Nakamoto, uno pseudonimo dietro cui si nascondono probabilmente più persone, la blockchain è un modo innovativo di archiviare e distribuire informazioni basato sulla decentralizzazione. Immagina un foglio excel con le caselle occupate da tanti blocchetti di informazioni, riprodotto in tante copie differenti, una per ogni nodo di una rete di computer sempre collegati fra loro e sempre sincronizzati: le informazioni diventano sempre accessibili (anche se uno o più nodi scompaiono), la manipolazione salta sempre e subito all’occhio, e perdere un blocchetto di informazioni diventa praticamente impossibile. La blockchain è per definizione orizzontale: zero intermediari, zero autorità, tutti i nodi hanno lo stesso ruolo, rallentamenti dovuti all’esistenza di un nodo più importante degli altri praticamente scompaiono.

 

 

Blockchain alla conquista del mondo

Nata come tecnologia dietro bitcoin, la blockchain può essere applicata praticamente a qualsiasi tipo di informazione, e già esistono un bel po’ di startup specializzate che sperimentano l’uso della blockchain in ambiti differenti da quello delle criptovalute: il settore finanziario e assicurativo, l’economia della condivisione, il crowdfunding, la governance, l’Internet of Things, le microgrid di vicinato, la vendita e la diffusione di energia solare, i mercati di previsione e la protezione della proprietà intellettuale. La blockchain funziona bene anche se utilizzata per la gestione delle identità sul web, la registrazione delle proprietà, il commercio d’azioni e le pratiche antiriciclaggio (AML) e Know Your Customer (KYC). E si diffondono sempre più le ICO (Initial Coin Offering), una soluzione digitale nel quale le aziende finanziano i loro nuovi progetti chiedendo di acquistare la criptovaluta legata al progetto stesso.

 

Startup open space office

 

5 startup da tenere d’occhio, 5 usi interessanti della blockchain

Tante possibilità, cinque per l’esattezza!

Stellar è una nuova piattaforma che permette di trasferire denaro in modo rapido, affidabile, e a basso costo ovviamente sfruttando l’orizzontalità e l’accessibilità della blockchain: permette di inviare in pochi secondi denaro oltre i confini, facilita i micropagamenti e offre tutte le soluzioni digitali della tua banca ma attraverso dispositivi mobili.

C’è chi invece sta investendo in servizi per permettere di sviluppare applicazioni blockchain utilizzando javascript. Stiamo parlando di Lisk, “blockchain made simple” è il loro motto. Grazie a questa piattaforma le barriere all’ingresso per diventare blockchain developer si abbassano notevolente permettendo ai web developer di cimentarsi con questa tecnologia.

Auditchain invece è il primo sistema decentralizzato per il monitoraggio e reporting continuo delle statistiche aziendali: in tempo reale, grazie alla tecnologia Blockchain, permette di presentare rendicontazioni, bilanci, dichiarazioni di reddito.

Repux è la piattaforma che fa incontrare le piccole e medie imprese con gli sviluppatori: le prime vendono dati resi anonimi e guadagnano monete Repux, i secondi acquistano i dati e li utilizzano per formare algoritmi di Machine Learning, che a loro volta rivendono alle aziende per ottimizzare i loro processi digitali.

E non ci sono solo soluzioni digitali per il mondo aziendale e B2B: e-Chat per esempio è un’app di instant messaging decentralizzata e multitasking, che permette pagamenti in-app, videochiamate fino a dieci persone, trasferimenti di criptovaluta supportati da Ethereum e Bitcoin e che garantisce il 100% di privacy.

 

Insomma, come il Big Bang, solo più grande 🙂

Riassumendo blockchain è una vera e propria tecnologia big bang, una supernova di nuove applicazioni e possibili declinazioni, e un’unica certezza: il futuro, ancora una volta, non sarà come l’avevamo immaginato.

Vuoi ricevere altri articoli come questo? Iscriviti alla nostra newsletter.

 

Se invece vuoi collaborare con noi, scrivici e ne parleremo insieme!